Dipartimento di Scienze della Formazione



Bacheca personale del Prof. GIORGIO ROSSI






Programma



 

Programma SPE LM 2017-2018 (2° Sem-Marzo 2018)

STORIA E STORIOGRAFIA DELL’ ETÀ MODERNA 

(prof. Giorgio Rossi)
 

“LA PAURA IN OCCIDENTE. LA CITTA’ ASSEDIATA”

Il corso (“La paura in Occidente. La città assediata”) si sviluppa intorno a un tema,quello della paura, di sicuro interesse e attualità per lo studente impegnato nello studio di aspetti storico-sociali-pedagogici nella vita odierna.

Jean Delumeau ha dato l’avvio, con l’opera La Paura in Occidente (secoli XIV-XVIII). La città assediata, a uno studio storico sistematico del tema della paura. Egli afferma che ancora una volta si dimostra vera l’affermazione di L. Febvre secondo cui la storia è figlia del suo tempo. Il che significa che studiamo il passato con le preoccupazioni del presente. Oggi si parla di continuo della paura, e magari fin troppo, a detta dell’autore.

Fa ancora notare lo storico francese che non è stato possibile svolgere questa indagine senza l’ausilio di scienze sociali, quali la psicologia, la sociologia, la psichiatria, l’etnologia, la storia della medicina. La chiave interpretativa per l’autore  è stata la distinzione tra paura e angoscia, ripresa ai nostri giorni da  Bauman. 

Largo spazio dedica Delumeau alla Peste in Europa, per la sua incidenza  fortissima sulla vita europea nell’età moderna. Il legame tra l’età medievale –moderna e quella contemporanea è dato dall’opera molto nota del sociologo Zygmunt Bauman, Paura liquida, che riprende suggestioni del passato per soffermarsi sulla paura sfuggente e multiforme dell’uomo di oggi. 


TESTI DI RIFERIMENTO

 

1. LA PAURA, IL PECCATO E LA COLPA. Recensione di: Jean Delumeau, La Paura in Occidente (secoli XIV-XVIII). La città assediata. A cura di Armando Comi (cfr. https://governarelapaura.unibo.it/article/download/2513/1884diA.Comi-2008)

2. Delumeau Jean, Una storia della paura. Il Mulino - Segnalo.it (cfr. sic in internet, oppure cfr. J. Delumeau, Una storia della paura, in Le rivoluzioni del benessere, a cura di P. Melograni e S. Ricossa, Laterza, Bari 1988, pp. 183-196)

3. W. Naphy - A. Spicer, La peste in Europa, il Mulino (Universale Paperbacks), Bologna 2006 

4. Z. Bauman, Paura liquida, Laterza, Bari 2008; oppure in alternativa ID. Il demone della paura, Laterza, Roma-Bari 2014

Obiettivi:

Enucleare il concetto di moderno come valore in quanto produttore di novità politica, di attivismo economico, di libertà dei singoli e della collettività; analizzare criticamente per casi esemplari come ieri e oggi gli storici abbiano risposto alla domanda "Cos'è la storia" mediante il lavoro di ricostruzione e interpretazione del passato.

 

La finalità, ancora, che ci si propone nell'insegnamento della storia moderna e della storiografia è duplice: la formazione e il soddisfacimento del piacere o della necessità del conoscere. Si è mirato alla formazione dello studente cercando di renderlo consapevole che la storia, seguendo l’insegnamento di M. Bloch, non è un susseguirsi quasi meccanico e inevitabile di fatti, ma il cammino dell’uomo sulla terra: l’uomo nella sua integralità, nella sua totalità. Di qui la necessità o, meglio, il gusto del sapere, del comprendere, nella consapevolezza stimolante della lezione di Croce che tutta la storia è storia contemporanea, è storia della “reciprocità delle coscienze” (M. Nèdoncelle). Se la storia non può essere qualificata tout court come maestra della vita, tuttavia è un aiuto primario per capire ciò che avviene intorno a noi (A. Placanica). Formazione e conoscenza confluiranno nel formare nello studente una mens critica e equilibrata che lo guiderà nel giudizio e nella valutazione di fatti e situazioni, tenendo presente il convincimento di H. Marrou che “la storia è inseparabile dallo storico”: in ultima analisi chi valuta è la persona che dovrebbe essere formata.

 

          Il metodo messo in atto si potrebbe qualificare come metodo “partecipativo”: “non auditores tantum…”. Coinvolgere lo studente didatticamente significa, da parte del docente, preparazione e ricerca di una metodologia adatta. In un primo tempo ho sollecitato la partecipazione attraverso, tesine, slides, filmati, visita a luoghi significativa Ultimamente ho fatto carico agli studenti di presentare con slides, scritte e immagini i capitolo del testo del corso monografico. Il risultato è stata una “lezione” da loro fatta, che ha positivamente sorpreso per la creatività, la ricerca e la proprietà espositiva.


ORARIO RICEVIMENTO: Immediatamente dopo le lezioni presso via Principe Amedeo e giovedì ore 11-12 presso Aula 14 . Per contattare: rossig@uniroma3.it; tel. 064468213 (con segreteria)

Orario Lezioni:  Martedì   ore 9-11 Aula 14, Giovedì  ore 9-11 Aula 14

Inizio lezioni :   marzo 2018,  secondo l’orario

Nota Bene: Il materiale di studio sarà illustrato dal docente: contattare  per gli anni precedenti

 


Indice: Didattica - Materiale didattico

Pubblicato il: 26/09/2017 Autore: GIORGIO ROSSI

Nessun file allegato per questo messaggio.


calendario esami



DATE ESAMI  A.A. 2016/2017 
Storia e storiografia dell'età moderna (codice 22902237)
storia moderna (codice 22901708)

SESSIONE INVERNALE dal 18 gennaio al 22 febbraio
Data I appello …24 GEN ……….………ora 9,30………… … Aula per mezza giornata
Data II appello…14 FEB…… ……….  ora  9,30………..….… Aula per mezza giornata
 
SESSIONE ESTIVA dall’ 6 giugno al 23 luglio
Data I appello …8 GIU ……………… ora …9.30…….….… Aula per mezza giornata
Data II appello…6 LUG… ………….   ora …9,30.…….… Aula  per mezza giornata
 
SESSIONE AUTUNNALE dal 3 settembre al 30 settembre
Data I appello … 7 SET………..……… ora  9,30………….… Aula  per mezza giornata 
Data II appello…28 SET… ……….……. ora …9,30.….… Aula  per mezza giornata
                                               


Indice: Avvisi - Esami

Pubblicato il: 09/05/2017 Autore: GIORGIO ROSSI

Nessun file allegato per questo messaggio.



Documenti

Home

cartella PROGRAMMI 2015-2016