Dipartimento di Scienze della Formazione



Bacheca personale della Prof.ssa MARIALUISA LUCIA SERGIO






DOCENTE



Marialuisa Lucia Sergio Marialuisa Sergio Maria Luisa Sergio

Marialuisa Lucia Sergio Maria Luisa Sergio  

 


Ricevimento
Mercoledì ore 9:00-12:00
via Milazzo 11/b, Stanza 3/15
NB: a causa di possibili sovrapposizioni con altri impegni accademici, è consigliabile convenire un appuntamento scrivendo all'indirizzo: marialuisalucia.sergio@uniroma3.it

 

 



Indice: Avvisi - Comunicazioni

Pubblicato il: 14/10/2017 Autore: MARIALUISA LUCIA SERGIO

Nessun file allegato per questo messaggio.


Storia Contemporanea - Corso di Laurea in Scienze dell’Educazione in modalità prevalentemente a distanza



II Semestre 2017-2018
on line: http://sdeonline.uniroma3.it 

 

PROGRAMMA
L’insegnamento mira a fornire le linee fondamentali della trasformazione dell’ordine internazionale dal secondo dopoguerra alla globalizzazione e alla fine del bipolarismo Est-Ovest.
Le lezioni si soffermeranno su due ambiti specifici della storia delle relazioni internazionali:
1) Le fasi della guerra fredda: contrapposizione USA-URSS; coesistenza competitiva; Distensione.
2) Il percorso fondativo dell’Unione europea, dall’articolazione delle relazioni transatlantiche alla formazione dell’asse franco-tedesco; dalla vicenda della Comunità europea del carbone e dell'acciaio e del progetto di Comunità Europea di Difesa fino alla costituzione di nuove istituzioni sovranazionali.
Il percorso comunitario verrà esaminato sia dal punto di vista della storia politica (con particolare attenzione alla cooperazione transnazionale dei partiti e dei sindacati) che sotto il profilo della storia delle idee, alla luce cioè della riflessione federalista nelle culture politiche del XX secolo e dell’importanza del fattore religioso sulle dinamiche di ridefinizione delle norme e delle istituzioni della governance europea.
Il corso si propone quindi, come obiettivo formativo, l’offerta di un quadro interpretativo delle relazioni internazionali del XX e XXI secolo e delle problematiche di lungo periodo del processo di globalizzazione, utilizzabile dallo studente come strumento di un’autonoma e critica valutazione dell’incidenza dei fattori politici, socio-economici e culturali sulla determinazione degli orientamenti di politica estera.
LABORATORIO
Il Laboratorio di Storia Contemporanea si pone due obiettivi:
- consentire agli studenti un primo approccio alla ricerca storiografica, familiarizzando con la conoscenza delle fonti documentarie, specialmente audiovisive;
- sviluppare, attraverso quest’utilizzo delle fonti, capacità di lettura critica della realtà.
Modalità e tempi di consegna:
Ogni studente dovrà produrre, ai fini dell'accesso all'esame, una ricerca (caricata nella sezione Elaborati), segnalando il titolo del documento audiovisivo scelto e il tema sviluppato, così da avviare una discussione nel forum del laboratorio. 
Il documento sarà selezionato mediante una ricerca per parole-chiave nel catalogo in rete dell’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico (AAMOD).
L'elaborato avrà a oggetto: il commento critico della scheda tecnica del filmato (regia, autori, anno, casa di produzione); l’analisi del suo contenuto alla luce di una ricerca originale (il documento dev’essere cioè storicizzato nel contesto della sua epoca e sulla base di un adeguato approfondimento bibliografico).
L'elaborato dovrà essere consegnato, pena l'esclusione dall'esame, entro due settimane dalla data dell’appello. Il giudizio sull'elaborato avrà peso sul voto finale dell'esame. 
Gli studenti sono invitati a partecipare attivamente al dibattito sul forum didattico del laboratorio. 
 
 The teaching aims to ensure the knowledge about the transformation of the international order after World War II until the globalization and the end of the East-West bipolarity.
The lessons will focus on two specific areas of the history of international relations:
1. The phases of the Cold War: US - USSR confrontation; competitive coexistence; Détente.
2. The key moments of the European Union founding process: the transatlantic relations versus the formation of the Franco-German axis; the European Coal and Steel Community and the proposed European Defense Community; the establishment of new supranational institutions.
The European Community's path will be examined from the point of view of political history (especially with regard to the transnational cooperation between political parties and trade unions) and in terms of the history of ideas, that is the analysis of the federalist thought within the twentieth century political cultures and about the importance of the religious factor on the dynamics of redefining the rules and institutions of European governance.
The course is so tailored in view of an educational goal, namely offering to students a framework for an independent and critical interpretation of the political, socio-economic and cultural patterns that have led to the determination of the foreign policy guidelines during the twentieth and twenty-first centuries.
 
 
 
 
 
 
 


Indice: Didattica - Programmi

Pubblicato il: 14/10/2017 Autore: MARIALUISA LUCIA SERGIO

Nessun file allegato per questo messaggio.


TEORIE E PRATICHE DELLA CITTADINANZA ATTIVA - CORSO DI STUDIO: COORDINATORE DEI SERVIZI EDUCATIVI E DEI SERVIZI SOCIALI (DM270) LM-87



II Semestre 2017-2018
Martedì ore 16-17 (aula 19)
Giovedì ore 16-18 (aula 15)
 
TESTI DI ESAME
per i frequentanti:
Moro Giovanni, Cittadinanza attiva e qualità della democrazia, Carocci 2015
Chistolini Sandra, (a cura di), Cittadinanza e convivenza civile nella scuola europea: saggi in onore di Luciano Corradini,  Armando, Roma 2006
Arena Gregorio e Iaione Christian (a cura di), L'Italia dei beni comuni, Carocci 2012 (capp. I, V, VI)
per i non frequentanti:
Moro Giovanni, Cittadinanza attiva e qualità della democrazia, Carocci 2015
Moro Giovanni, Contro il non profit, Laterza 2014 
Chistolini Sandra, (a cura di), Cittadinanza e convivenza civile nella scuola europea: saggi in onore di Luciano Corradini,  Armando, Roma 2006
Arena Gregorio e Iaione Christian (a cura di), L'Italia dei beni comuni, Carocci 2012 (intero)
Il corso mira ad assicurare la conoscenza del fenomeno della cittadinanza attiva, sia sotto il profilo concettuale che sotto quello dell’azione pratica delle organizzazioni sociali che operano nel processo di cambiamento del sistema socio-politico, economico e istituzionale, per la promozione e la tutela dei diritti, per il sostegno alle fasce più vulnerabili della società e per la cura dei beni comuni.
Il programma del corso è strutturato in tre parti.
In primo luogo il corso storicizza le linee evolutive e i principali nodi teorico-concettuali della categoria della «cittadinanza» nel contesto della storia europea dei secoli XIX-XXI e del pensiero filosofico, storico-politico e giuridico contemporaneo;
La parte successiva è dedicata all’individuazione e alla descrizione delle organizzazioni di cittadinanza attiva, sia in quanto promotori di azioni di advocacy che di gestori di servizi, considerate nel loro sistema di relazioni con gli attori pubblici e privati, con particolare riferimento al loro ruolo nella trasformazione dei regimi democratici e dei sistemi di welfare. A tal fine, il corso prende in esame il contesto italiano ed europeo in cui tali organizzazioni operano e le concrete iniziative di cittadinanza attiva raccontante in aula dai protagonisti.
Il corso si propone inoltre di analizzare il ruolo chiave della scuola nella promozione delle politiche di cittadinanza attiva e nello sviluppo delle basi culturali di un'identità europea democratica, effettiva e solidale. Dopo un primo approccio teorico al tema della cittadinanza e della convivenza nella scuola europea, sarà prestata attenzione alle innovative strategie didattiche che hanno concretamente sviluppato buone pratiche ed esercitazioni relative a  un'ampia gamma di questioni, quali la cittadinanza e l’educazione ai diritti umani, i diritti dei bambini, la democrazia a scuola, la tolleranza e il problema dei bassi risultati educativi degli alunni provenienti da contesti sociali svantaggiati, causa di precoce abbandono scolastico. 
L'esperienza acquisita attraverso le attività del corso dovrebbe aiutare studenti, educatori ed operatori sociali a sviluppare conoscenze, competenze, comportamenti e valori necessari per contribuire efficacemente alla cittadinanza attiva.
Gli studenti che frequentano con regolarità il corso saranno coinvolti in attività di formazione relative a esperienze significative di promozione dei diritti sociali e civili. Questa attività costituirà parte integrante della valutazione in progress ai fini del superamento dell’esame. È prevista la possibilità di un’esercitazione relativa agli approfondimenti tematici valutato come esonero parziale della prova finale.
The teaching points to ensure the knowledge about the of the «active citizenship» phenomenon, either at the conceptual level or under the point of view of the concrete actions of the social organizations which are recognized as the actors playing the leading role in the process of change within social, political, economic systems and institutions at the aim of promoting and protecting human and civil rights, supporting the most vulnerable in society and and taking care for Common Goods.
The course will be structured into three parts:
First of all the teaching historicizes the evolutionary lines and the main theoretical and conceptual issues about the citizenship category in the context of the European history of the XIX-XXI centuries and of the contemporary historical, philosophical, political and legal thought;
The next part focuses above the identification and the description of the «active citizenship» organizations among public and private actors, in reference to any actions made with either the advocacy promoters or services managers and with particular regard to their role in the transformation of democratic regimes and of the welfare systems. To this end, the course examines both the Italian and European context in which these organizations act; the same active citizenship players will narrate their practical experiences in classroom.
The course also aims to analyze the key role of the School in promoting active citizenship policies and developing a cultural underpinning for a democratic, effective and supportive European identity. After a first theoretical approach to the theme of citizenship and coexistence in the European school, attention will be paid to the innovative teaching strategies that have effectively developed best practices and exercises covering a broad range of topics such as defining terms associated with citizenship and human rights education, children’s rights, democracy at school, tolerance and  the problem of low educational achievements of pupils from socially disadvantaged backgrounds, often resulting in early dropouts. 
The experience gained through the course activities are expected to help students educators and social workers to develop the knowledge, skills, attitudes and values required to effectively contribute to the active citizenship. 

 

 
 


Indice: Didattica - Programmi

Pubblicato il: 22/09/2017 Autore: MARIALUISA LUCIA SERGIO

Nessun file allegato per questo messaggio.


Statement of historians on the current humanitarian crisis in Europe



Appello di storici europei alle istituzioni EU per l'accoglienza dei rifugiati statement https://historiansforrefugees.wordpress.com/                           
media: comunicato stampa e servizio TV Rai Parlamento

 

 



Indice: Avvisi - Comunicazioni

Pubblicato il: 14/01/2017 Autore: MARIALUISA LUCIA SERGIO

Nessun file allegato per questo messaggio.



Documenti

Home

cartella elenco pubblicazioni e attività scientifica
cartella eventi
cartella testi di esame
file Appello dei docenti universitari per lo Ius Soli.pdf
file CALENDARIO ESAMI A.A. 2017-2018.pdf
file PROGRAMMA DI STORIA CONTEMPORANEA.pdf
file PROGRAMMA DI TEORIE E PRATICHE DELLA CITTADINANZA ATTIVA.pdf