Dipartimento di Scienze della Formazione



Scienze della Formazione Primaria (SFP)



Obiettivi formativi specifici


Gli obiettivi formativi qualificanti il corso di studio sono l'acquisizione e lo sviluppo di:

  • Conoscenze dei fondamenti teorici, epistemologici, metodologici e applicativi delle scienze dell'educazione e più in generale delle discipline che concorrono a definire l'ambito teorico-pratico del profilo di laurea;
  • Conoscenze dei fondamenti teorici e metodologici delle discipline storiche, filosofiche e socio-antropologiche;
  • Competenze d'uso degli specifici metodi e strumenti della ricerca in campo educativo;
  • Competenze culturali fondamentali sia per la prosecuzione nel biennio specialistico sia per l'immediato ingresso nel mondo del lavoro con particolare riferimento alle strutture educative e scolastiche, all'organizzazione del tempo libero e degli eventi socio-culturali, con riferimento anche alla fruizione dei beni culturali;
  • Competenze informatiche per l'utilizzo di sistemi operativi e di risorse di rete attinenti al campo educativo e socio-culturale;
  • Pratica orale e scritta di una o più lingue dell'Unione Europea.

Il Corso di Laurea, dopo un primo anno comune, si articola in due diversi curricula denominati:

  • a) Operatori pedagogici ed esperti di processi di comunicazione didattica;
  • b) Formazione interculturale e socio-educativa;
  • c) Esperti di processi psico-educativi e relazionali.

Gli obiettivi formativi specifici del curriculum a) sono l'acquisizione e lo sviluppo di:


  • Competenze metodologiche e didattiche sui processi di insegnamento-apprendimento;
  • Capacità di gestione e progettazione dei processi di orientamento scolastico e professionale e di strutturazione dei percorsi di comunicazione didattica.

Gli obiettivi formativi specifici del curriculum b) sono l'acquisizione e lo sviluppo di:


  • Conoscenze relative ai temi inerenti la multiculturalità, le relazioni interculturali e le metodologie e le tecniche della mediazione e dell'intervento interculturale;
  • Competenze relative alla gestione di rapporti interpersonali e di gruppo, e alla interazione con istituzioni e realtà territoriali nelle quali si debbano effettuare interventi educativi.

Gli obiettivi formativi specifici del curriculum c)sono l'acquisizione e lo sviluppo di:


  • conoscenze psicologiche applicate al contesto educativo con particolare riferimento alla famiglia e alla scuola e alle situazioni di disagio e di conflitto relazionale.

Ambiti occupazionali previsti per i laureati

Per formazione di base si intende il livello imprenscindibile di conoscenze iniziali, per formazione caratterizzante si
intende il quadro peculiare del corso di laurea, per formazione affine si intende la serie di attività collegate sia a
quelle di base che caratterizzanti, per attività integrativa si intende quanto va a completare l'insieme delle conoscenze
utili alla formazione di un laureando in Scienze dell'educazione. Tra le altre attività formative vanno segnalate la
preparazione in campo informatico e multimediale, la conoscenza di una o più lingue, una intensa esperienza di tirocinio.
Il corso di laurea prevede l'offerta di tre specifiche forme di orientamento e tutorato:

  • attività realizzate da tutti i docenti, singolarmente o in gruppo, durante il primo anno del corso, volte a sostenere e indirizzare le scelte delle matricole;
  • attività realizzate dagli studenti degli anni di corso successivi al primo, con l'obiettivo di garantire forme di studio assistito;
  • attività realizzate dai docenti delle discipline professionali e del tirocinio, impegnati a rispondere ad esigenze orientative, professionali, e di integrazione nei sistemi e subsistemi educativi, scolastici e formativi, nelle imprese e nelle aziende, nella pubblica amministrazione.

Si prevede anche la possibilità di effettuare, per gli studenti che ne facciano richiesta, un "bilancio delle competenze", in entrata e durante il percorso formativo, che funga da traccia evolutiva per l'orientamento e il sostegno alla
motivazione.

Sono previste attività di partenariato con strutture ed enti territoriali per l'effettuazione di seminari, tirocini e stage
che, nel rinforzare il collegamento tra università e mondo del lavoro, forniscano opportunità di preinserimento
professionale a laureandi e laureati.
Gli ambiti professionali tipici:

  • I laureati in Scienze dell'educazione devono acquisire conoscenze teoriche e competenze operative nel settoredell'educazione e della formazione integrate da ambiti differenziati di conoscenze e competenze nelle scienze dell'uomo in relazione ad una prevalenza della formazione generale, relativa alla conoscenze teorica, epistemologica e metodologicadelle problematiche educative nelle loro diverse dimensioni compresa quella di genere.
  • I laureati svolgeranno attività di operatori nei servizi culturali, nelle strutture scolastiche ed educative, in altre attività territoriali connesse anche al terzo settore. Potranno altresì operare come docenti, formatori, istruttori o tutor nelle imprese, nei servizi, nelle scuole, nei centri di formazione e nelle pubbliche amministrazioni.

In particolare gli ambiti professionali tipici dei laureati che abbiano scelto il curriculum a) Operatori pedagogici ed
esperti di processi di comunicazione didattica sono :

  • Il sistema scolastico e le istituzioni educative per la consulenza e la progettazione di specifiche attività di aggiornamento dei docenti e per attività di orientamento ;
  • Tutorato e orientamento nel campo educativo, formativo, extrascolastico e per l'insegnamento, con conoscenze negli ambiti disciplinari delle scienze umane e con adeguate competenze ed abilità metodologico-didattiche.

In particolare gli ambiti professionali tipici dei laureati che abbiano scelto il curriculum b) Formazione interculturale
e socio-educativa sono:

  • Gli Enti Locali, le imprese culturali di natura pubblica e privata, i servizi educativi del territorio differenziati per soggetti, per età e per bisogni;
  • Le politiche, la progettazione e l'animazione delle attività socio-culturali del territorio;
  • La formazione interculturale, la gestione delle relazioni interculturali, la mediazione interculturale nell'ambito dei servizi territoriali di accoglienza ed integrazione degli immigrati.

In particolare gli ambiti professionali tipici dei laureati che abbiano scelto il curriculum C) Esperti di Processi
Psico-Educativi e Relazionali saranno:

  • Esperti di aspetti teorici e metodologici delle discipline psicologiche applicate al contesto educativo;
  • Esperti dei processi di insegnamento-apprendimento e di tecniche volte a prevenire o a fronteggiare le principali difficoltà di apprendimento;
  • Esperti dei processi dinamici di base in ambito educativo (scuola, famiglia) e di strategie di intervento differenziali in situazioni di disagio e di conflitto relazionale;
  • Esperti nella comunicazione intergenerazionale e con adolescenti;
  • Esperti degli aspetti cognitivi, affettivi e relazionali implicati nell'uso delle nuove tecnologie;
  • Organizzatori e animatori di attività formative extra-scolastiche.

Informazioni Utili

art.2 DM 544/07